Cerca il tuo immobile

CERCA IL TUO IMMOBILE


Decreto Fiscale 148/2017 è legge: le novità principali

Inserito il 21/12/2017

La legge di conversione ha apportato molte modifiche e novità a quella che era la versione originaria del decreto, vediamo in dettaglio le principali:

-Spesometro: l'invio telematico dei dati delle fatture Iva emesse e ricevute è trimestrale. E' facoltà del contribuente di optare per l'invio semestrale.E' inoltre prevista  la possibilità di inviare documenti riepilogativi per le fatture di importo inferiore a 300 euro.

-Rottamazione delle cartelle, con una nuova ipotesi di rottamazione (relativa ai carichi per cui non è mai stata presentata domanda di rottamazione), la conferma della rottamazione-bis per i piani di rateazione decaduti, la nuova rottamazione sui ruoli affidati dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017 e la revisione della procedura di rottamazione con la modifica dei termini di presentazione delle istanze.

-Split payment, l'estensione dello split payment a decorrere dal 1° gennaio 2018,estensione dello split payment anche nelle operazioni effettuate nei confronti degli enti pubblici economici nazionali, regionali e locali e nei confronti di tutte le società controllate direttamente o indirettamente da qualsiasi tipo di amministrazione pubblica e società partecipate per almeno il 70% da qualsiasi amministrazione pubblica o società soggetta allo split payment;

-Iva, si segnala ancora che è previsto il reperimento di ulteriori risorse per sterilizzare parziale  dell'aumento dell'Iva, tuttavia l'aliquota del 10% verrà portata a 11,14% a decorrere dal 1° gennaio 2018 e aumentata di ulteriori 0,86 punti percentuali a decorrere dal 1° gennaio 2019.

-Registri Iva: la loro tenuta con sistemi elettronici è considerata regolare se in assenza della loro trascrizione su supporti cartacei nei termini di legge, in sede di accesso, ispezione o verifica risultano aggiornati e stampati a richiesta dei verificatori.

-Contributi associativi versati alle società di mutuo soccorso(ONLUS): è ammessa la detrazione fiscale del 19% dei contributi associativi per un importo non superiore a Euro 1.300 versati dai soci alle società di mutuo soccorso per assicurare agli stessi soci un sussidio nei casi di malattia, vecchiaia, o, in caso di decesso, un aiuto alle famiglie.

-Credito di imposta per investimenti pubblicitari pari al 75% della quota incrementale dell'investimento rispetto all'anno precedente; al 90% nel caso di microimprese, Pmi e start-up innovative;

-Detraibilità degli alimenti a fini medici speciali ; è inserita tra le nuove e spese sanitarie detraibili dall'IRPEF anche quella sostenuta per l'acquisto di alimenti a fini medici speciali. Nel modificare la disposizione normativa di riferimento (lettera c), dell'articolo 15, comma 1, del DPR 917/86), inerente alle spese sanitarie detraibili dall'IRPEF, il "collegato fiscale" inserisce tra le spese detraibili, quelle spese sostenute per l'acquisto di alimenti a fini medici speciali, inseriti nella sezione A1, del Registro nazionale di cui all'articolo 7, del D.M. 8 giugno 2001, e successive modificazioni, con l'esclusione di quelli destinati ai lattanti. L'agevolazione fiscale, ha una portata limitata; la nuova detrazione si applica limitatamente ai periodi d'imposta in corso al 31 dicembre 2017 ed al 31 dicembre 2018.

-Detrazione d'imposta per studenti fuori sede :è estesa la detrazione d'imposta per canoni di locazione, prevista per gli studenti universitari fuori sede, anche all'ipotesi in cui l'università sia ubicata in un Comune distante da quello di residenza almeno 50 km e gli studenti fuori sede siano residenti in zone montane o disagiate. Anche in questo caso la portata della novità fiscale ha un raggio molto limitato; la detrazione è concessa per i periodi d'imposta in corso al 31 dicembre 2017 e al 31 dicembre 2018.